E FALLE LE POLPETTE OGNI TANTO!

Da un po’ di tempo mi e’ venuta la fissa di voler ampliare la gamma dei cereali a me noti e così, proprio l’altro giorno, mi sono fatta un giro di perlustrazione da Ecor .
Fra le altre cose ho comprato il quinoa, nome alquanto esotico ma ben noto a chi di macrobiotica se ne intende. Incuriosita dal nome, ne ho preso una scatola “test” da sottoporre a L. E cosi’ abbiamo scoperto che il quinoa non solo è sano, ma è anche buono: insomma è simpatico questo quinoa!
In realta’, grazie a Wikipedia, ho scoperto dopo che non si tratta di un cereale, ma di un semino appartenente alla famiglia degli spinaci: ripeto spinaci, non cereali, lo preciso per chi vuole essere certo di poter mangiare sia una fetta di pane che la quinoa durante lo stesso pasto. Il quinoa, spiga tipica delle Ande, e’ anche ricco di proteine e minerali, si presenta sotto forma di chicchi tondi molto piccoli simili al miglio e cuoce nel giro di 15 minuti. A dire il vero la sua cottura è proprio facile: per un bicchiere di quinoa ne usi due di acqua, lo metti sul fuoco, spegni dopo dieci minuti, lo lasci riposare per 5 minuti ed è pronto! E il bello è che col quinoa, un po’ come col riso, si può fare veramente di tutto: zuppe, risotti, insalate, torte e cremini dolci e …. le polpette!

Ingredienti
Quinoa: 300 gr
Pane grattuggiato: 200 gr
Carote: 100 gr
Zucchine: 100 gr
Piselli: 100 gr
Olio evo: 100 ml
Mozzarella: 1
Curry, sale, pepe nero e prezzemolo: q. b.

Ho messo a cuocere la quinoa in acqua salata (due tazze d’acqua per una di quinoa) e ho lasciato cucinare per 12-15 minuti a bollore; a mio gusto, ho aggiunto del curry nell’acqua.
Ho tagliato a cubetti le carote e le ho passate in padella con un po’ d’acqua e un pizzico di sale; poi ho aggiunto le zucchine, anche loro tagliate a cubetti, ed infine i piselli. Una spolverata di pepe nero, un paio di cucchiai di olio evo e il prezzemolo.
Sono tornata alla mia quinoa e l’ho passata velocemente con il minipimer in modo che i chicchi legassero meglio con gli altri ingredienti.
Ho aggiunto all’impasto della quinoa le verdure, la mozzarella tagliata a cubetti e due cucchiai di olio evo e ho mescolato. A quel punto non mi restava che preparare le polpette, impanarle con il pan grattato e friggerle.
Cheese!polpettequinoa13052014

Annunci

¡ Y HOY PAELLA VALENCIANA!

Iniziamo il viaggio tra i sapori dal mondo con il piatto forte che arriva dalla Spagna: la Paella. E quando dico Paella, la bocca si riempie e penso ad un piatto ricco, pieno, tondo.
Paella… quante varietà, quanti ingredienti che cambiano di regione in regione, di città di citta’, di casa in casa. Ognuno ha la sua versione e la considera como la origìnal.: de pescado, de mariscos, con pollo, valenciana, catalana, con verduras. Insomma, quante varianti per un solo piatto!

Ricordo ancora, come se fosse ieri, la prima volta che ho mangiato una paella original, la piu’ buona della mia vita. Ero a Bruxelles e Marcos, studente in Erasmus come me, decise di preparla per la serata di cucina internazionale. In quel pomeriggio piovoso, Marcos con amore, calma e tranquillità iniziò el ritual con una em>paellera immensa. Prima le verdure, poi la carne, poi il pesce e lo zafferano e per ultimo il riso. Che meraviglia per gli occhi e per il palato!
Per me la paella è quella che ho visto cucinare quel pomeriggio incantanta, quella che ho assaporato passo dopo passo, è quella che ho gustato quella sera, per me la paella original è quella di Marcos. E ogni volta che la preparo, ripercorro el ritual.
¡Aproveche!

Ingredienti (per 8 persone)
Pollo: 300 gr a cubetti
Coniglio: 150 gr disossato
Cozze: 500 gr
Vongole: 500 gr
Calamari: 2 (oppure 1 calamaro e 1 seppia)
Mazzancolle: 300 senza testa
Gamberoni: 4
Scampi: 4
Peperoni: 2
Piselli: 100 gr
Fagiolini: 50 gr
Zafferano: 2 bustine
Brodo di pesce: 1 L abbondante
Riso: 400 gr
Sale, aglio, cipolla: q.b.
Peperoncino: a piacere
Curry: a piacere

Ho cucinato le cozze e le vongole in un tegame con un po’ di aglio e prezzemolo e dell’acqua. Una volta cotte, ho filtrato il liquido della cottura e messo cozze e vongole da parte.
Con le teste delle mazzancolle ho preparato la bisque: le ho messe in un pentolino con un goccio di acqua e le ho fatte cucinare per 20 minuti ca. Una volta tenere, le ho frullate con il frullatore a immersione. Ho messo il composto in un passino e ho filtrato il brodo, schiacciando i carapaci con un cucchiaio di legno per far uscire tutto il liquido.
In un tegame largo e basso (possibilmente di ferro, altrimenti antiaderente), ho fatto saltare la cipolla e l’aglio tritati con un filo di olio evo. Ho fatto saltare velocemente gamberoni e scampi, poi li ho tolti e messi da parte.
Ho aggiunto la verdura tagliate a pezzetti e, una volta intenerita, ho aggiunto la carne, anche questa a pezzetti. Dopo aver fatto rosoloare pollo e coniglio, ho aggiunto le mazzancolle e i calamari. Ho fatto cuocere per un 10 minuti, poi ho aggiunto il brodo di pesce dove avevo fatto scogliere lo zafferano, la bisque di carapaci e il liquido delle cozze.
Ho regolato di sale, aggiunto un pizzico di peperoncino e curry ed infine il riso, che ho disposto per bene su tutto il tegame, ricoperto dal brodo. Da questo momento in poi, vietato toccare più il riso! Ho alzato il fuoco e lasciate cuocere per 7-8 minuti, dopodiché l’ho abbassato a fuoco medio e continuato la cottura per altri 10 -15 minuti, fino a che il riso non si e’ asciugato.
Quando il riso era quasi pronto ho disposto gamberoni e scampi sopra al riso e ho lasciato cucinare.
Prima di servire in tavola, ho aggiunto cozze e vongole come decorazione.
Cheese!

Paella 040514